mercoledì 1 novembre 2017

Otto libri fantasy/sci-fi da leggere a novembre 2017 in italiano

Buon pomeriggio, amici miei! ^____^

Come avrete probabilmente intuito dal titolo, a questo mio piccolo elenco seguirà, nei giorni a venire, un ulteriore aggiornamento che andrà a riassumere quelle che potrebbero essere, a parer mio, le più succose novità libresche previste per novembre in lingua inglese.  Per il momento, tuttavia, andiamo a concentrare la nostra attenzione sui libri fantasy/sci-fi che debutteranno in Italia nel corso del mese corrente…


di Stephen e Owen King


“Dooling è una piccola città fortunata del West Virginia, con una splendida vista sui monti Appalachi e lavoro per tutti. È a Dooling, infatti, che qualche anno fa è stato costruito un carcere all'avanguardia destinato solo alle donne, che siano prostitute o spacciatrici, ladre o assassine, o ancora tutte queste cose insieme. Ed è una di loro, in una notte agitata, ad annunciare l'arrivo della Regina Nera. Per il dottor Norcross, lo psichiatra della prigione, è routine, un sedativo dovrebbe sistemare tutto. Per sua moglie Lila, lo sceriffo di Dooling, poteva essere un presagio. Perché poche ore dopo, da una collina lì vicina, arriva una chiamata al 911, ed è una ragazza sconvolta a urlare nel telefono che una donna mai vista ha ammazzato i suoi due amici, con una forza sovrumana. Il suo nome è Evie Black. Intorno a lei svolazzano strane falene marroni e sembra venire da un altro mondo. Lo stesso, forse, dove le donne a poco a poco finiscono, addormentate da un'inquietante malattia del sonno che le sottrae agli uomini. Un sonno dal quale è meglio non svegliarle.”


di Stephanie Garber



“Il mondo, per Rossella Dragna, ha sempre avuto i confini della minuscola isola dove vive insieme alla sorella Tella e al potente, crudele padre. Se ha sopportato questi anni di forzato esilio è stato grazie al sogno di partecipare a Caraval, uno spettacolo itinerante misterioso quanto leggendario in cui il pubblico partecipa attivamente; purtroppo, l'imminente, combinato matrimonio a cui il padre la sta costringendo significa la rinuncia anche a quella possibilità di fuga. E invece Rossella riceve il tanto desiderato invito, e con l'aiuto di un misterioso marinaio, insieme a Tella fugge dall'isola e dal suo destino... Appena arrivate a Caraval, però, Tella viene rapita da Legend, il direttore dello spettacolo che nessuno ha mai incontrato: Rossella scopre in fretta che l'edizione di Caraval che sta per iniziare ruota intorno alla sorella, e che ritrovarla è lo scopo ultimo del gioco, non solo suo, ma di tutti i fortunati partecipanti. Ciò che accade in Caraval sono solo trucchi ed illusioni, questo ha sempre sentito dire Rossella. Eppure, sogno e veglia iniziano a confondersi e negare la magia diventa impossibile. Ma che sia realtà o finzione poco conta: Rossella ha cinque notti per ritrovare Tella, e intanto deve evitare di innescare un pericoloso effetto domino che la porterebbe a perdere Tella per sempre...”


 di Joe Hart



“Una misteriosa epidemia ha ridotto il numero di donne sulla terra a meno di 1000. Le sopravvissute sono state isolate e tenute rinchiuse in un centro scientifico e, da oltre 20 anni, vengono trattate come cavie. Zoey, che ha sempre vissuto da prigioniera è determinata a fuggire prima di essere sottoposta ai successivi test dai quali nessuna è mai tornata. Ma anche se avrà successo in un’impresa così difficile, Zoey non sa cosa la potrà aspettare fuori da quelle mura, in quel nuovo strano mondo. Ma anche se sarà costretta a tirare fuori una forza e una brutalità che non pensava di avere, ZOEY È PRONTA ALLA GUERRA!”
(NB: la trama è stata tratta dal blog: Lety’s Book)



di Kendare Blake



“Da che se ne ha memoria, sull'isola di Fennbirn ogni generazione è stata scandita dalla nascita di tre gemelle: tre regine, tutte ugualmente degne nella successione ereditaria della corona e tutte in grado di padroneggiare la magia. Mirabella è una fiera elementalista, sfacciata come i suoi incantesimi: governa il fuoco, i flutti e i fulmini con il solo schioccare delle dita. Katharine è sottile e insinuante come il suo potere: la sua simbiosi con i veleni è tale che può ingerire anche la più letale delle sostanze tossiche senza che le accada nulla. Arsinoe, invece, ha sviluppato una perfetta comunione con la natura: può far sbocciare le rose più incantevoli o ammansire i leoni con il suono gentile della sua voce. Ma per diventare regina non basta il diritto di nascita: dovranno combattere duramente l'una con l'altra, per ottenere la corona, perché non si tratta di un gioco in cui si vince o si perde... In ballo c'è la vita. Ecco, questa è la notte in cui le gemelle compiono sedici anni: la battaglia ha inizio.”

 di Andy Weir



“Jazz Bashara è una criminale. O qualcosa di molto simile. La vita su Artemis – la prima città costruita sulla Luna – può essere davvero difficile a meno di non essere molto ricchi. Ma Jazz non ha un sostanzioso conto in banca e si deve barcamenare tra piccole truffe e affari di contrabbando, visto che con il suo stipendio ufficiale riesce a malapena a pagare l’affitto. Per di più, ha dei progetti ambiziosi e per realizzarli le serve del denaro. Un bel po’ di denaro. Così, quando le si presenta l’opportunità di mettere a segno un grosso colpo che le consentirebbe di sistemarsi una volta per tutte, Jazz, nonostante gli evidenti rischi, decide di non tirarsi indietro. La ricompensa è una cifra da capogiro, ma l’impresa si rivela più pericolosa del previsto e lei si ritrova invischiata in una spirale di intrighi e cospirazioni letali. E a quel punto la sua unica possibilità di salvezza sarà rischiare il tutto.”


di Silvana de Mari



“Mi chiamo Astridius, principe dei folletti, re degli stracci, ultimo miserabile rampollo di una stirpe perseguitata, e in questo libro racconto la mia storia. Sono figlio di un uomo buono giustiziato con una falsa accusa di stregoneria, per il fatto di essere un divinatore. Questo è il nome che danno a coloro che possono vedere i folletti, creature fatte di aria e di follia. Vederli e ascoltarli: i folletti non tacciono mai. La loro compagnia, vi do la mia parola, non è uno scherzo, anche se hanno riempito la mia sterminata solitudine permettendole di non essere totale. I folletti ci danno la capacità di conoscere il futuro, perché ce lo raccontano con le loro piccole voci ossessive. Ma del futuro ci raccontano soprattutto i disastri. Hanno una predisposizione per i disastri. La vita di un divinatore è assordata da questo continuo triste cicaleccio. In effetti è terribile essere a conoscenza delle sciagure che stanno per arrivare. L'ossessione di evitarle vi riempie l'anima. E quindi noi divinatori ripetiamo le profezie udite, nella speranza che qualcuno faccia qualcosa per scongiurarle, qualcosa di intelligente, ma l'intelligenza è un bene prezioso e non sempre abbondante. Quello che puntualmente otteniamo sono odio e persecuzioni. Le persone non vogliono conoscere le verità terribili e odiano chi le preannuncia. Ci accusano di essere noi a causare, evocandolo, il dolore che invece vogliamo solo evitare. Quando ho scoperto di avere lo stesso dono di mio padre, di essere anche io un divinatore, per qualche istante ho avuto la scelta: tapparmi le orecchie, vivere in pace, pascolare le mie pecore, fabbricare il formaggio. Oppure come mio padre intervenire e battermi con tutte le mie poche forze perché il male non inghiotta il mondo. Ho fatto la scelta di combattere. Mi chiamo Astridius, principe degli stracci, re dei folletti, e ho vinto la mia guerra.”



di Ernest Cline



“Wade è un diciottenne solitario, sovrappeso e nerd fino al midollo: non c'è film, gioco di ruolo o videogame di oggi o di ieri che non conosca come le sue tasche. Orfano dei genitori in un 2045 devastato dalla crisi ambientale e dalle diseguaglianze sociali, vive con la zia all'ultimo piano di un bizzarro, fatiscente "trailer park" verticale. L'unica fonte di evasione, per lui e per gli altri miliardi di persone che popolano il pianeta ferito, è Oasis, lo sterminato universo virtuale a cui si accede grazie a un visore e un paio di guanti aptici. Quando il creatore e proprietario di Oasis, James Halliday, noto cultore e nostalgico degli "innocenti" anni Ottanta, muore, per Wade è l'occasione di riscatto: chi meglio di lui può sperare di risolvere la serie di enigmi che Halliday ha nascosto all'interno dei mitici videogiochi della sua infanzia? Ma la I.O.I., multinazionale potente e spregiudicata, non ha alcuna intenzione di vedersi surclassata da uno sprovveduto qualunque, e, pur di mettere le mani su Oasis, si prepara a giocare una partita che più sporca e disonesta non si può.”



di Liu Cixin



“Nella Cina della Rivoluzione culturale, un progetto militare segreto invia segnali nello spazio cercando di contattare intelligenze aliene. E ci riesce: il messaggio viene captato però dal pianeta sbagliato, Trisolaris, l'unico superstite di un sistema orbitante attorno a tre soli, dominato da forze gravitazionali caotiche e imprevedibili, che hanno già arso undici mondi. È quello che i fisici chiamano "problema dei tre corpi", e i trisolariani sanno che anche il loro destino, prima o poi, sarà di sprofondare nella superficie rovente di uno dei soli. A meno di non trovare una nuova casa. Un pianeta abitabile, proprio come il nostro. Trisolaris pianifica quindi un'invasione della Terra. Sul Pianeta azzurro, nel frattempo, l'umanità si divide: come accogliere i visitatori dallo spazio? Combattere gli invasori o aiutarli a far piazza pulita di un mondo irrimediabilmente corrotto?”


Al momento, amici miei, la sottoscritta ha soltanto due certezze assolute: “Sleeping Beauties” e “Artemis”, vale a dire i due titoli che riusciranno senz’altro a ottenere la priorità su tutto il resto.
Caraval”, invece, potrebbe rappresentare un piacevole diversivo, una sorta di leggero “intermezzo” fra un paio di titoli dal taglio un po’ più ponderato e impegnativo. 
Per quanto riguarda “La Battaglia delle Tre Corone”, invece… be’, la trama mi ispira molto, e Kendare Blake è se non altro riuscita a riscattarsi parzialmente ai miei occhi (dopo quella completa e disastrosa delusione chiamata “Anna vestita disangue”) scrivendo “Antigoddess”. Però non ho ancora preso una decisione definitiva al riguardo… Mentre un altro potenziale candidato, per quanto mi riguarda, potrebbe essere “Ready Player One”: in attesa dell’uscita del film diretto da Steven Spielberg, non credo che sarebbe una cattiva idea buttarmi su questa ri-edizione nuova fiammante del romanzo di Ernest Cline…




10 commenti:

  1. Ovviamente grande attesa per il nuovo di Weir!
    Inoltre, vista l'imminente uscita del film, potrebbe essere il momento giusto per Ready Player One ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato anch'io la stessa cosa a proposito di "Ready Player One", Fede: prima dell'uscita del film, devo assolutamente riuscire a leggerlo! ;D

      Elimina
  2. Di tutti questi ne ho letti due, entrambi in inglese - Three Dark Crowns e Caraval. Nessuno dei due mi ha davvero convinta.
    E dalla sinossi di Caraval si direbbe che hanno tradotto il nome della protagonista? Si chiamava Scarlett.
    Spesso non capisco le case editrici italiane...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici davvero?! Si vede che hanno tratto ispirazione da "Via col Vento", e deciso di cambiare "Scarlett" con "Rossella"... Una vera assurdità! Come al solito, ehehe! :P
      Mmm... effettivamente sono un po' indecisa su "Caraval" e sul libro della Blake: se mi confermi che non sono niente di eccezionale, quasi quasi lascio stare dal principio...
      :(

      Elimina
  3. Quello d(e)i King, Artemis e Ready Player One sono quelli che prenderò quasi sicuramente *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ideam, Kate! Soprattutto i primi due!! *____*

      Elimina
  4. Mamma mia quante uscite interessanti! *_* Artemis mi è piaciuto molto! Meno del libro precedente, è vero, ma mi è comunque piaciuto molto. Caraval spero di riuscire a leggerlo presto e pure la serie della Blake mi ispira. E prima o poi riuscirò anche a leggere Ready Player One!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di leggere la tua recensione di "Artemis"! E anche di avere il romanzo per le mani, naturalmente! *____* Conto di prenderlo in ebook il giorno stesso dell'uscita in italiano, se tutto andrà bene...

      Elimina
  5. no vabbè, "Rossella" non si può sentire in un contesto di quel tipo. Comunque il libro mi intriga parecchio, spero di leggerlo presto.
    Altri uscite che punto sono Artemis, La battaglia delle tre corone e Sleeping Beauties. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Sleeping Beauties" mi ispira tantissimo! Penso che lo inizierò subito dopo l'uscita, e lo stesso vale per "Artemis"! *_____*
      Su "La Battaglia delle Tre Corone" sono un po' più titubante, quindi mi sa che aspetterò prima di leggere le vostre recensioni! ;D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...