domenica 5 dicembre 2021

23 libri fantasy da leggere nel 2022 (parte terza)

Prima domenica di dicembre, tempo di dare un’occhiata alla terza (e ultima) parte della nostra rassegna dedicata ad alcuni dei libri fantasy più promettenti in arrivo nel corso del 2022.

Per l’occasione, ho tenuto da parte una serie di titoli dal taglio particolarmente dark, fra cui il nuovo capolavoro annunciato della mia adorata Seanan McGuire *___*, e un terzetto di retelling di noti classici letterari interpretati dalla penna di autrici di cui, ormai, mi fido (quasi) a scatola chiusa.

Se volete dare un’occhiata al resto della lista, vi ricordo che potete leggere QUI la prima parte e di QUA la seconda.  

 

 High Times in the Low Parliament

di Kelly Robson


Potete acquistarlo QUI in inglese

Lana Baker è la scriba più in gamba di Aldgate, con la sua penna affilata e il suo ingegno ancora più tagliente. Socievole, affascinante e sempre ansiosa di compiacere, Lana accetta di consegnare un messaggio e si ritrova sulla via del Basso Parlamento, costretta ad avere a che fare con una nidiata di faery bizzosi. Mentre Lana trascrive infinite sessioni di interminabili chiacchiere parlamentari, il dibattito si fa sempre più intenso e disperato. A causa di un’antica tradizione, un voto sospeso potrebbe causare la fine del Parlamento e il ritorno a una guerra infinita. Per impedirlo e salvare l’umanità (e, magari, anche per riuscire a sedurre una signora o due), Lana potrà contare soltanto sull’aiuto di un improbabile (e bisbetico) alleato fatato e su Eloquentia, l’affascinante deputata umana.


What Moves the Dead

di T. Kingfisher


Potete acquistarlo QUI in inglese

Quando Alex Easton, soldato in pensione, scopre che la sua amica di infanzia Madeline Usher sta per morire, decide di raggiungere la casa ancestrale degli Usher nella remota Ruritania. Quello che trova, una volta lì, è un’esplosione di funghi e di animali che sembrano posseduti, circondati da un lago oscuro e pulsante. Madeline è sonnambula e, di notte, parla con strane voci; suo fratello Roderick è consumato da una misteriosa malattia nervosa. Con l’aiuto di un formidabile micologo britannico e di un confuso dottore americano, Alex dovrà svelare i segreti di Casa Usher... prima che la magione li divori tutti.

 

The Daughter of Dr. Moreau

di Silvia Moreno-Garcia

 

Potete acquistarlo QUI in inglese

Carlota Moreau: una giovane donna, cresciuta in una proprietà remota e lussureggiante, lontano dai conflitti e dagli stenti della penisola dello Yucatán. L’unica figlia di un genio... o forse di un pazzo. Montgomery Laughton: un malinconico sorvegliante con un tragico passato alle spalle, e una brutta propensione per l’alcol. Un emarginato che assiste il Dr. Moreau nei suoi esperimenti scientifici, che sono finanziati dai Lizaldes, proprietari di magnifiche  haciendas e ricchi tesorieri. Gli ibridi: il frutto del lavoro di Moreau, destinati a ubbidire ciecamente al loro creatore e a restare nell’ombra. Un disomogeneo gruppo di creature, in parte umane, in parte bestiali. Tutti questi personaggi vivono in un mondo statico e perfettamente bilanciato... ma l’equilibrio viene scosso dall’arrivo di Eduardo Lizalde, l’affascinante e incauto figlio del patrono del Dottor Moreau. La sua presenza scatenerà una serie di pericolose reazioni a catena...

 

Seasonal Fears

di Seanan McGuire


Potete acquistarlo QUI in inglese

Sequel di "Middlegame". Per ogni cosa c’è una ragione. Melanie ha un destino, sebbene diverso da quello che tutti si sono sempre aspettati. Melanie, infatti, è delicata, è fragile… sta morendo. Quello che sta arrivando è, nel senso letterale dell’espressione, l’inverno della sua anima. Harry non vuole credere al destino, perché farlo significherebbe accettare l’inevitabilità della perdita dell’unica persona in grado di portare significato e gioia nella sua vita; l’unica capace di riportare il sole dell’estate nel suo mondo. Così, quando una nuova strada comincia a spalancarsi davanti a loro – una strada che li porterà ad attraversare inenarrabili pericoli, ma forse anche incontro alla possibilità di un futuro insieme – imboccare quel sentiero sembra l’unica opzione accettabile. Ma su quella strada i ragazzi non sono soli… Qualcuno li sta seguendo; qualcuno che si porta una grande violenza nel cuore. Forse il Destino ha davvero dei piani in serbo per Melanie e Harry, dopotutto…


Our Wives Under the Sea

di Julia Armfield

 

Potete acquistarlo QUI in inglese

Quando Leah rientra da una missione oceanica finita in catastrofe, Miri pensa di aver riavuto finalmente indietro sua moglie. Diventa subito chiaro, invece, che Leah non è più la stessa. Qualsiasi cosa sia accaduta in fondo alle acque, qualsiasi cosa la missione avesse avuto l’obiettivo di studiare prima di finire arenata sul fondale oceanico, Leah sembra aver riportato una parte di lei con sé sulla terraferma, nella loro casa. Mentre cerca di affrontare una quotidianità soltanto apparentemente normale, Mira comincia a realizzare che la loro vecchia vita potrebbe essere finita per sempre. Leah è ancora qui... ma c’è qualcosa in lei che proprio non torna.

 

Ithaca

di Claire North

Potete acquistarlo QUI in inglese

Diciassette anni fa, il re Odisseo è partito per la guerra di Troia, portando con sé qualsiasi uomo abbastanza grande per combattere dall’isola di Ithaca. Nessuno di loro è più tornato, e le donne sono state lasciate indietro a gestire il regno. Penelope era poco più di una bambina quando ha sposato Odisseo. Finché lui viveva, la sua posizione era assicurata. Adesso, però, gli anni hanno cominciato a passare, e le voci stanno aumentando: e se Odisseo fosse morto? Immediatamente i corteggiatori iniziano a bussare alla sua porta... Ma nessun uomo è abbastanza forte da reclamare il trono di Odisseo... non ancora. Fra i corteggiatori, una guerra fredda di alleanze silenziose e pugnali nascosti dilaga e prende a sconquassare il regno, minacciando di scagliare Ithaca nel pieno della guerra civile. Soltanto attraverso la sua intelligenza e la sua leale rete di spie, Penelope potrà conservare il delicato equilibrio di potere che consente al regno di sopravvivere.

 

The Book of Gothel

di Mary McMyne


Potete acquistarlo QUI in inglese

Tutti conoscono la storia di Raperonzolo. Ma cosa sappiamo della strega che la confinò in una torre? Haelewise ha sempre vissuto all’ombra di sua madre, Hedda... una donna che farebbe qualsiasi cosa pur di tenere sua figlia al sicuro. Perché, con i suoi strani occhi neri e i suoi svenimenti improvvisi, Haelewise è sempre stata respinta agli abitanti del villaggio, al punto che l’unica fonte di conforto, per la ragazza, consiste nei racconti di sua madre. Storie di streghe che rapiscono bambini, principi che indossano pelli di lupo, e di un’antica torre avvolta nelle nebbie, in cui le donne in difficoltà possono trovare riparo... a patto che si dimostrino abbastanza coraggiose da cercarlo. Ma poi Hedda muore, e Haelewise viene lasciata sola. Al villaggio non c’è niente per lei, perciò la ragazza decide di mettersi a caccia della leggendaria torre di cui parlava sempre sua madre: un posto chiamato Gothel, in cui Haelewise incontrerà una saggia donna disposta a prenderla sotto la sua ala. Ma Haelewise non l’unica donna a cercare rifugio a Gothel. Alla torre arriva anche una ragazza di nome di nome Rika, che porta con sé un segreto che la Chiesa cerca disperatamente di tenere nascosto. Un segreto in grado di svelare un mondo nascosto di antichi incantesimi e una famiglia di aristocratici in preda a una smania assassina...


Locklands

di Robert Jackson Bennett


Potete acquistarlo QUI in inglese

Sequel di “Foundryside” e “Shorefall”. Sancia, Clef, e Berenice si sono ritrovati a combattere in circostanze terribili in molte occasioni, in passato. Ma la guerra che stanno combattendo ora, non è uno scontro che possa essere vinto. Questa volta, non stanno affrontando semplicemente la corrotta elite cittadina, o perfino un gerofante immortale, bensì un’entità la cui intelligenza arriva a esercitare una profonda influenza sulla metà del globo – un fantasma che è riuscito a insinuarsi in una macchina in grado di usare la magia dei glifi per possedere e controllare non soltanto gli oggetti, ma anche le menti umane. Per combatterla, i nostri eroi saranno costretti a imbarcarsi nel “colpo” più difficile della loro carriera, in una disperata corsa contro il tempo. L’obiettivo sarà nientemeno che quello di svelare l’origine stessa della magia della scrittura e di trovare un porta segreta, a lungo nascosta, che potrebbe, forse, condurre direttamente nelle stanze al centro della creazione...

 


 

venerdì 3 dicembre 2021

Recensione: "La Casa in Fondo a Needless Street", di Catriona Ward

La Casa in Fondo a Needless Street”, traduzione italiana di “The Last House on Needless Streetdi Catriona Ward, arriverà in Italia a fine gennaio per la Sperling and Kupfer.

E questa è la prima buona notizia.

La seconda?

Questo libro è una bomba, ragazzi! Uno dei migliori thriller psicologici che abbia mai letto.

Un imprevedibile concentrato di colpi di scena, emozioni e tematiche in salsa horror, dalla penna di un’autrice di cui lo stesso Stephen King non ha potuto fare altro che tessere le lodi.

Catriona Ward, pronta a esplodere sulla scena letteraria come una delle più incisive e coinvolgenti eredi spirituali dell’immensa Shirley Jackson...


Potete acquistarlo QUI in inglese

 

La trama

 La Casa in Fondo a Needless Street” racconta la storia di un omicidio. Di una ragazzina scomparsa. Di una vendetta.

La storia di Ted, che vive nell’ultima casa prima della foresta, di sua figlia Lauren e della sua gatta Olivia, e della loro vita ordinaria in quartiere che più normale e ordinario di così non si può.

Tutte queste cose sono vere. Eppure, alcune di queste cose sono bugie.

Perché un segreto inenarrabile lega gli abitanti dell’ultima casa in fondo a Needless Street, e quando una nuova vicina si trasferisce nella casa accanto, bè... la verità non sempre basta a liberare chi è prigioniero. A volte, una cosa così può anche distruggerti.

Perché nella foresta è stato sepolto qualcosa, qualcosa di oscuro. Ma non è quello che pensate...

 

Il gioco della matrioska

«The first thing I hate is called a Russian doll. It holds a smaller version of itself inside it, and another inside that and so on. How awful. They are prisoners. I imagine them all screaming in the dark, unable to move or speak. The doll’s face is broad and blankly smiling. It looks so happy to be holding its children captive.» 

 

Impazzisco dalla brama di raccontarvi qualcosa di più sulla trama de “La Casa in Fondo a Needless Street”. Giuro che è così: non sto deliberatamente cercando di fare la misteriosa... è solo che una parola in più rischierebbe di rovinarvi almeno una delle millemile sorprese che questo romanzo tiene in serbo per voi.

Avete presente “L’amore bugiardo” di Gillian Flynn? Ecco, allora forse potete cominciare a farvi un’idea di cosa aspettarvi.

Catriona Ward porta il concetto di “narrazione inaffidabile” su tutto un altro livello. Il protagonista, Ted, è un uomo che nasconde molti segreti, anche (e forse soprattutto) a se stesso. Beve troppo, soffre di amnesia, passa il 50% del suo tempo a cercare nuove amicizie su Internet... e ogni settimana vede uno psicologo che assomiglia un po’ a un insetto a stecco, un uomo che cerca costantemente di svelare i misteri della sua mente.

Ted, al mondo, ha soltanto due priorità: l’incolumità di sua figlia Lauren, che a volte sembra veramente un po’ bizzarra, e quella della sua gatta, Olivia, uno dei Pov del libro, nonché assoluta beniamina del lettore.

Dall’altra parte della strada vive Dee, che a 14 anni, nel corso di una gita al lago insieme alla famiglia, ha perso sua sorella. E, forse, anche qualcos’altro...

Tutte queste storie si incastrano insieme come i pezzi della bambolina russa che dimora sulla mensola del caminetto in casa di Ted. Un oggetto che sembra quasi maligno, per la stessa natura del suo contenuto: una genitrice che divora le sue figlie, che le ingloba come se non fossero altro che carburante, estensioni di sé, pezzi di ricambio da usare a piacimento.

Ma anche affascinante, per l’incredibilità complessità che accomuna, in realtà, tutte quelle vite nascoste...

Un mosaico di sogni struggenti e incubi terrificanti: l’unica descrizione possibile per questo libro, in cui il sospetto regna sovrano e il lettore realizza, in breve tempo, di poter contare su un’unica certezza: quella di non potersi fidare di nessuno.

Insomma, “La Casa in Fondo a Needless Street” mi ha offerto tutto quello che speravo di trovare leggendo il recente (e pompatissimo) “Sorelle” di Daisy Jonhson: palpitazioni, suspense, ossessione, brividi, una valanga di emozioni e... un cuore spezzato.

 

«I pensieri sono porte attraverso cui i morti passano attraverso»

Non credo che quello di Catriona Ward sia un libro adatto a tutti.

Ma se avete amato titoli come “Abbiamo Sempre Vissuto nel Castello”, “La Casa delle Voci”, A Casa Prima di Sera” o “Bunny”, sospetto che “La Casa in Fondo a Needless Street” vi ruberà il cuore.

Forse non capirete subito di cosa parla questa storia, e vi sentirete addirittura frustrati, per un capitolo o due; smarriti in un labirinto di indizi e false piste, pistole di Čechov e agnizioni pronte a esplodere come crudeli epifanie.

Ma vi assicuro che, a lungo andare, la tematica al cuore della narrazione vi centrerà come un pugno nello stomaco.

Catriona Ward è una narratrice eccezionale e, onestamente, non credo di essermi sentita travolgere così tanto da un’atmosfera, una voce narrante o un cast di personaggi dei tempi dello stratosferico “The Drowning Girl” di Caitlìn R. Kiernan.

Ogni volta che provo a chiudere gli occhi, mi pare di vedere l’Ankou di Ted che mi fissa dall’oscurità. Allora mi ritrovo a domandarmi: che faccia indosserà questa volta, il messaggero della Morte? E gli dei della Foresta, proveranno mai a parlare con me attraverso il volo degli uccelli, il canto del vento fra le fronde?

 La Casa in Fondo a Needless Street” è uno di quei rarissimi libri horror che tendono a entrarti sotto la pelle. Restano con te soprattutto perché fanno male, e perché sono autentici.

In effetti, riescono a essere onesti con te perfino mentre ti mentono, e ti mostrano più mondi, tempi e azioni di quanti la logica dovrebbe essere in grado di rendere conto.

Ma, come in fondo sanno anche i bambini, la mente umana non è fatta di sola logica.

E, a volte, basta attraversare una porta per ritrovarsi in una stanza fatta di echi e rimpianti profondi, vite spezzate e ricordi che ritornano a infestarci...


 

 PS: la mia recensione, come spesso accade, si riferisce all'edizione in lingua originale del romanzo, "The Last House on Needless Street" :)


martedì 30 novembre 2021

"Il Segreto di Medusa": il retelling fantasy di Hannah Lynn inaugura una nuova trilogia ispirata alla mitologia greca

Aspettando “Lore”, i lettori italiani potranno gustarsi un altro retelling fantasy ispirato a una delle più famose storie della mitologia greca: a partire dal 2 dicembre, sarà infatti disponibile in tutte le librerie “Il Segreto di Medusa”, dell’autrice britannica Hannah Lynn.

Il primo volume di una serie di romanzi autoconclusivi, ciascuno dei quali dedicati a una diversa figura femminile della tradizione ellenica...


Grecian Women, Vol. 1

Potete acquistarlo QUI in italiano


La trama

Radiosa, innocente, la più pura tra le sacerdotesse di Atena. La bellezza di Medusa va ben oltre quella dei semplici mortali. Per questo, quando lo sguardo colmo di lussuria del dio Poseidone cade su di lei, l’unico luogo in cui spera di trovare rifugio è il sacro tempio della protettrice dei greci. Ma nessuno può sfuggire a un dio. E la divina Atena, signora delle arti e della guerra, non avrà pietà per colei che ha profanato la sua casa. Poco importa che Medusa, violata nel corpo e nello spirito contro la propria volontà, implori il suo perdono.

Da questo momento il male che le è stato inflitto diventerà la sua corazza e abbraccerà l’oscurità, in esilio, perché chiunque altro le ha voltato le spalle. Si trasformerà nel mostro che gli altri hanno deciso che doveva essere.

Nel frattempo, un giovane di nome Perseo si appresta a partire con la missione di uccidere Medusa. La storia dell’eroe Perseo e del mostro Medusa è stata raccontata molte volte.

Questa è un’altra storia.

In un tempo in cui gli dèi camminano tra i mortali, il confine tra la gloria e l’infamia è estremamente labile. Ma ogni mito ha bisogno di eroi e di mostri.

 

Il mito di Medusa

Questa è la seconda volta in meno di due mesi che ci troviamo a parlare di un libro ispirato alla tragedia di Medusa.

Come alcuni di voi ricorderanno, a fine ottobre è uscito negli USA il romanzo illustrato “Medusa: The Girl Behind the Myth” di Jessie Burton, già autrice del bestseller storico “Il Miniaturista”.

Esattamente come in quel caso, anche “Il Segreto di Medusa” si propone di riadattare il mito originale in chiave femminista e di forte denuncia sociale; il tutto sulla scia di conclamati successi internazionali quali “Circe” e “La Canzone di Achille”.

Del resto, non si può negare che la leggenda della bellissima ancella trasformata in mostro, così come ci è stata tramandata da varie fonti, sia infarcita di elementi abominevoli e rivoltanti crudeltà patriarcali... un po’ come il 99.9% del resto di questi miti appartenuti al mondo greco-romano, comunque.

Una fonte di ispirazione impareggiabile, per questi nostri tempi turbolenti....

 

La trilogia

Come dicevamo, “Il Segreto di Medusa” è il primo libro della trilogia “Grecian Women”.

In patria, Hanna Lynn ha già pubblicato il sequel, “A Spartan's Sorrow” (2001), dedicato alla figura di Clitennestra.

Regina di Micene e moglie di Agamennone, Clitennestra fu costretta ad assistere al sacrificio di sua figlia maggiore, uccisa per placare gli dèi (ricordiamo che, nella leggenda originale, la dea Artemide salvò Ifigenia dalla morte all’insaputa di tutti, compresa la stessa Clitennestra).

Nella versione di Hanna Lynn, questa madre disperata e a caccia di vendetta giura di fare qualsiasi cosa si riveli necessaria, pur di proteggere il resto dei suoi figli da un destino terribile...

A marzo 2022, sarà invece il turno di “Queens of Themiscyra”.

Le protagoniste di questo terzo libro saranno Ippolita, regina delle Amazzoni, e sua sorella Pentesilea, costretta a prendere il posto di Ippolita dopo che quest’ultima deciderà, a causa di un colpo di fulmine improvviso, di abbandonare le sue guerriere e cercare di costruirsi una nuova vita ad Atene.

Ma Pentesilea non condividerà mai nessuno dei valori compassionevoli di sua sorella, e deciderà piuttosto di regnare con pugno di ferro e vigore brutale. E, quando a Ippolita comincerà a crollare il mondo addosso, toccherà proprio a lei decidere fino a che punto varrà la pena spingersi per difendere l’onore delle Amazzoni...

 



domenica 28 novembre 2021

23 libri fantasy da leggere nel 2022 (parte seconda)

Con un (solo) giorno di ritardo, ecco arrivare la seconda parte del mio post dedicato ai nuovi libri fantasy in uscita nel 2022 in lingua inglese.

Di alcuni titoli conosciamo già immagine di copertina e trama nel dettaglio, mentre altri sono ancora (parzialmente) avvolti in un’aura di mistero. Ma, secondo me, le informazioni disponibili sono comunque più che sufficienti a farsi un’idea del tono, dell’ambientazione e delle tematiche... anche perché alcuni di questi libri sono sequel di romanzi molto, molto validi, usciti nel corso del 2020 o 2021.

Intanto, vi ricordo che, per recuperare la prima parte dell’elenco, potete dare un’occhiata QUI.

E voi, amici? Avete già messo gli occhi su qualcosa? Quali sono le uscite libresche del 2022 che aspettate di più? ^^

 

Nettle and Bone

di T. Kingfisher

Potete acquistarlo QUI in inglese

Dopo aver guardato le sue sorelle soffrire per mano di un principe abusivo per anni, Marra – la timida terza figlia, allevata in un convento – ha finalmente realizzato che nessuno andrà mai a salvarle. Nessuno, a meno che non lo faccia lei stessa. Dopo aver cercato l’aiuto di una potente strega oscura, a Marra vengono quindi offerti gli strumenti necessari a uccidere un principe – a patto che porti a compimento tre prove, prima. Ma, come spesso accade in questi racconti di principi, streghe e figlie, una richiesta impossibile è soltanto l’inizio...


A Mirror Mended

di Alix E. Harrow

Potete acquistarlo QUI in inglese

Sequel di “A Spindle Splintered”. Zinnia Gray, sistematrice di favole di professione e Bella Addormentata ormai decaduta, ha cominciato a stancarsi di salvare principesse ronfanti. Una volta che hai salvato una dozzina di damigelle e bruciato cinquanta arcolai, una volta che ti sei ubriacata con venti fate madrine e ti sei ritrovata a pomiciare con un membro della famiglia reale di troppo, viene naturale cominciare a desiderare che qualcuno di queste ragazze dimostri finalmente il buon senso di darsi un a regolata e provare a risolvere da sé i propri problemi narrativi. Proprio quando Zinnia inizia a pensare che non riuscirà a sopportare un’altra principessa in difficoltà, lancia un’occhiata di sbieco in uno specchio e vede un’altra faccia che la fissa dall’altra parte: il volto del male, sorprendentemente affascinante, che le chiede aiuto. La Regina Cattiva di Biancaneve ha appena scoperto come finisce la sua storia, ed è alla disperata ricerca di un finale migliore... e se stavolta toccasse a lei ricevere l’aiuto di Zinnia?

 

Her Majesty’s Royal Coven

di Juno Dawson

Potete acquistarlo QUI in inglese

Una società segreta di streghe si nasconde in mezzo a noi: la Congrega di sua Maestà Reale. Il loro obiettivo è quello di proteggere la corona e il Paese dalle forze magiche e dal Male di origine sovrannaturale. Ma stavolta il più grande nemico potrebbe provenire dall’interno... Perché il gruppo creato dalla Regina Elisabetta I d’Inghilterra ha appena ricevuto una profezia nefasta – l’imminente genocidio di tutte le streghe – e adesso il responso dell’oracolo minaccia di distruggere un gruppo legato da un’amicizia lunga una vita.

 

The Thousands Eyes

di A. K. Larkwood


Potete acquistarlo QUI in inglese

Sequel di “The Unspoken Name.Due anni fa, Csorwe and Shuthmili hanno sconfitto il mago Belthandros Sethennai  e rubato i suoi guanti. I guanti hanno reso Shuthmili estremamente potente, ma stanno anche cominciando a richiederle un prezzo imponente. Così, lei e Csorwe viaggiano verso un mondo distante, con l’intenzione di scoprire un modo per imparare a usarli in maniera sicura; ma quando un vecchio nemico arriva sulla scena, Shuthmili si ritrova dilaniata fra la sua necessità di rimanere aggrappata alla propria umanità, e la possibilità di abbracciare un nuovo, antico potere...

 

Where the Drowned Girls Go 

di Seanan Mcguire


Potete acquistarlo QUI in inglese

"Wayward Children", Vol. 7. C’è un’altra scuola per bambini caduti attraverso le porte fra i mondi. Ma non è un posto amichevole come la Scuola di Eleonor West per Bambini Ribelli. E non è un posto sicuro. Quando Eleonor ha deciso di aprire il suo istituto, sapeva dall’inizio che ci sarebbero stati dei bambini che non sarebbe stata in grado di salvare; così, quando Cora decide di aver bisogno di un cambio di direzione, di un fato diverso, Miss West accetta, a malincuore, di permettere il suo trasferimento presso quell’altra scuola, un luogo in cui le cose vengono gestite in modo molto diverso da un certo Whitethorn, il Preside. Come Cora scoprirà presto, non tutte le porte sono lì per porgerti il benvenuto...

 

The Hunger of the Gods 

di John Gwynne


Potete acquistarlo QUI in inglese

Sequel di “Shadow of the Gods. Lik-Rifa, la dea-drago della leggenda, è stata liberata dalla sua prigione eterna. Adesso, tutto a ciò a cui mira è una nuova epoca di sangue e conquista. Mentre Orka continua sulla strada che porta al suo figlio smarrito, il gruppo di Varg intraprende una disperata corsa contro il tempo per salvare uno di loro. Nel frattempo, Elvar ha giurato di adempiere al suo voto di sangue e di salvare un prigioniero dalle grinfie di Lik-Rifa e del suo culto maledetto... prima, però, dovrà convincere il resto dei suoi guerrieri a seguirla. Eppure, neppure le forze combinate di tutti questi eroi potrebbero rivelarsi sufficienti a sconfiggere la dea-drago. La loro ultima speranza potrebbe risiedere negli scritti deliranti di un dio in catene. Un libro di magia proibita, con il potere – forse – di riportare in vita nientemeno che Ulfrir, il dio-lupo della leggenda... e di dare inizio a una battaglia in grado di scuotere le fondamenta della terra.

 

Wild and Wicked Things 

di Francesca May


Potete acquistarlo QUI in inglese

A Crow Island, bisbiglia la gente, la vera magia si annida appena sotto la superficie. Annie Mason è appena arrivata in questa idilliaca residenza per le vacanze, per cui è certa che tutte queste voci siano solo pettegolezzi. La magia – il tipo in grado di ridurre i soldati a gusci vuoti e di spezzare il cuore di intere famiglie – è stata proibita fin da quando la guerra è finita. Adesso, il massimo a cui chiunque possa aspirare è una serie di trucchetti escogitati per il divertimento dei ricchi e di chi non ha niente di meglio da fare. E poi, a Annie non interesse niente della magia; né di quella vera, né di quella falsa... Non dopo che la magia ha rubato il suo futuro. È tornata sull’isola soltanto per sistemare gli ultimi affari di suo padre e per recuperare (si spera) la sua vecchia amicizia con Beatrice, fuggita via da tutto alla ricerca di una vita migliore.  Eppure Crow Island è piena di tentazioni, e la più grande di tutte potrebbe essere proprio Emmeline Delacroix, una nuova vicina e sedicente strega, pronta a trascinare Annie in uno scintillante mondo di segreti, incantesimi clandestini e pericoli mortali.

 

 

venerdì 26 novembre 2021

Recensione: "Le Guerriere dal Sangue d'Oro", di Namina Forna

Lotta al patriarcato, femminismo e un pizzico di romance: se dovessimo fare un riassunto de “Le Guerriere dal Sangue d’Oro”, il libro d’esordio di Namina Forna, probabilmente potremmo limitarci a questa breve introduzione.

Un romanzo che deve il 99% della propria ispirazione (e la causa primaria della sua imminente traduzione in italiano) allo straordinario successo commerciale riscontrato da “Figli di Sangue e Ossa” di Tomi Adeyemi.

Una storia infarcita di tematiche importanti, “colpi di scena” in stile hollywoodiano e un sacco di buone intenzioni...

Se siete alla ricerca di un modo per approcciarvi, da completi neofiti, al genere fantasy, “Le Guerriere dal Sangue d’Oro” potrebbe rappresentare un buon punto di partenza... soprattutto se siete ancora in età da liceo.

Ma sospetto che tutti gli altri troveranno la lettura un po’ insipida e riciclata...

 


Potete acquistarlo QUI in inglese


La trama

In un mondo che opprime le donne e fa dello sciovinismo una sorta di forma d’arte, la giovane Deka si prepara a sottoporsi all’inevitabile “Rituale della Purezza”, una cosina simpatica a cui tutte le ragazze dell’impero sono costrette a prender parte al compimento dei 16 anni di età.

Un rito di passaggio, officiato da varie sottospecie di sacerdoti bigotti, perversi e/o licenziosi, che consiste nel praticare un taglio sul petto della candidata e nello stare a vedere che cosa succede.

Se il sangue che verrà fuori dalla ferita sarà di un colore ordinario – una qualsiasi sfumatura di rosso – benissimo, la ragazza avrà passato l’esame: il suo villaggio comincerà a considerarla ufficialmente una donna, e presto la giovane potrà trovare marito e cominciare a scodellare bambini come se non ci fosse un domani.

Ma se il sangue dovesse essere dorato...

Bè, se il sangue sarà dorato, i preti concluderanno che la candidata è un demone; procederanno quindi a torturarla, abusare di lei, ucciderla in maniera particolarmente cruenta... Le solite cose da Santa Inquisizione spagnola, insomma.

Ovviamente, il giorno della sua prova, Deka comincia a sanguinare nella tonalità sbagliata.

Potrebbe essere la fine... e invece è soltanto l’inizio!

Una donna misteriosa salva Deka dalle grinfie degli uomini del villaggio e le rivolge una proposta impossibile da rifiutare: in cambio della salvezza, la nostra eroina dovrà arruolarsi in una sezione speciale dell’esercito dell’Imperatore, e combattere per lui contro un’orda di mostri sanguinari che si ostinano a minacciare i confini del regno.

Deka sta appena imparando a fare i conti con i suoi nuovi poteri – sensi potenziati, superforza, una certa riluttanza a restare morta... ma che scelta le rimane?

Una volta accettato l’accordo, può soltanto balzare su un carro e cominciare il lungo viaggio verso la capitale...

 

Quei primi capitoli che ti afferrano per la gola...

Come spesso succede, le prime trenta, quaranta pagine de “Le Guerriere dal Sangue d’Oro” sono quelle che tendono a trarti in inganno.

L’inizio del libro è molto coinvolgente, incalzante e in grado di offrire squarcio di brutalità spaventosa.

Peccato che l’effetto venga progressivamente diluito da una serie di fattori, fra i quali non possiamo fare a meno di citare:

a) Una protagonista completamente priva di personalità. La narrazione in prima persona aveva forse lo scopo di metterci in contatto con le emozioni più profonde di Deka e di spingerci a parteggiare per lei, forse addirittura di immedesimarci nelle sue difficoltà. Peccato che Deka non sembri tanto un essere umano – una creatura munita di punti di forza, debolezze, virtù e convinzioni – quanto un involucro; una sintesi ambulante di trope e cliché, così tanto stereotipata che mi è risultato difficile anche soltanto riuscire a trovarla antipatica, per quanto ottuso o irritante il suo atteggiamento potesse dimostrarsi;

b)  Un intreccio piattissimo e prevedibile, che si sforza disperatamente di dimostrare una tesi (per quanto sacrosanta), a scapito di “minuzie” quali suspense, ambiguità morale, sospensione dell’incredulità eccetera. Creature magiche che saltano fuori dal nulla, villain che scoprono di avere fenomenali poteri cosmici a tre pagine dalla fine... tutto per la serie “quando la logica va in vacanza”.

c) Una scrittura vaga, frustrante e pressapochista, incentrata sul “raccontato” e totalmente inadeguata agli scopi della narrazione.  

Il rovescio della medaglia è che “Le Guerriere dal Sangue d’Oro” è un libro che si legge in fretta. Ad esempio, sospetto che lo stile scorrevole, tutt’altro che impegnativo, potrebbe catturare velocemente l’interesse di un’adolescente interessata all’argomento, ma ancora relativamente poco abituata al mondo della lettura...

 

Punto e a capo

Un altro punto a favore è che “Le Guerriere dal Sangue d’Oro” potrebbe, con un pizzico di immaginazione, essere considerato un libro autoconclusivo.

La pubblicazione del sequel, “The Merciless Ones”, è prevista negli USA per il 2022; ma il finale di questo primo volume risulta, di per sé, abbastanza soddisfacente.

Onestamente, l’ho trovato un libro infinitamente meno rivoluzionario di quanto pretenda di essere. Per essere un romanzo di denuncia sociale, tanto per cominciare, l’ho trovato molto meno inclusivo di quanto mi sarebbe piaciuto.

Il sistema patriarcale tende a umiliare, sottomettere e distruggere il libero arbitrio delle donne. Ma il genere femminile non è l’unica vittima, e sarebbe stato bello trovare un riconoscimento di questa verità all’interno delle pagine del libro di Namina Forna.

Oltretutto, durante la lettura mi sono annoiata in modo indecente, soprattutto perché continuavo a essere assalita dalla certezza matematica di avere già letto questa storia, in una salsa o in un’altra. “The Year of the Witching” e “Sawkill Girls” sono soltanto due fra gli esempi più recenti che mi vengono in mente.

Un'altra ipotesi è che, forse, andando avanti con gli anni, sono semplicemente diventata esigente (e rompiscatole :P)!

Magari, se lo avessi letto dieci o quindici anni fa, sarei stata in grado di apprezzare tutte quelle qualità rilevate da centinaia e centinaia di altri lettori a spasso per il mondo! ^^

 


NB: la mia recensione si riferisce all'edizione originale americana, "The Gilded Ones"! :)


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...