domenica 3 aprile 2016

Recensione: "A Wicked Thing"




Titolo: A Wicked Thing
Autrice: Rhiannon Thomas
Serie: A Wicked Thing, Vol. 1
Disponibile: in inglese!
Trama:
"Un secolo dopo essere piombata nel sonno più profondo, la Principessa Aurora apre gli occhi per trovarsi al cospetto di un affascinante principe, e di un regno dilaniato che non ha fatto altro che sognare il suo ritorno.
Tutti i libri dicono che dovrebbe essere in grado di trovare il suo lieto fine, a questo punto.
Ma come Aurora comprende fin troppo bene, la verità non assomiglia affatto alla fiaba.
Il suo "Vero Amore" non è altro che un premuroso sconosciuto.
E la sua vita intera è stata programmata dai suoi nemici politici, mentre dormiva del sonno incantato.
Mentre Aurora lotta per estrapolare un senso da questo suo mondo nuovo, comincia a temere che la maledizione abbia lasciato il suo marchio su di lei, una cosa pericolosa e selvaggia che potrebbe essere malvagia tanto quanto la strega che un tempo l'avvolse nel suo incantesimo.
Il giorno del suo matrimonio si avvicina sempre più di più, e Aurora dovrà prendere la decisione definitiva su come salvare il suo regno: sposando il principe, oppure scappando via..."



Mi sono imbattuta in questo libro per la prima volta leggendo la notizia della sua imminente trasposizione televisiva: “A Wicked Thing” diventerà infatti una serie tv chiamata “After”, se tutto andrà bene, con lo zampino della Disney e dell’emittente televisiva Freeform.
Non ho idea di cosa aspettarmi da un progetto del genere, perché, onestamente, non mi è parso di intravedere grandissimi potenzialità dal punto di vista della "spettacolarità" della storia; in compenso, posso quantomeno affermare di essere rimasta piacevolmente colpita dal romanzo della Thomas: “Wicked” non sarà un capolavoro, non sarà il retelling più audace e anticonformista che io abbia mai letto… ma mi ha preso abbastanza da non farmi rimpiangere il tempo perduto, questo è certo.

La storia inizia esattamente là dove la fiaba originale si interrompeva: la principessa Aurora, un tempo maledetta dalla perfida (e misteriosa) strega Celestine, riceve il suo fantomatico bacio del Vero Amore (o così sembrerebbe…) dal Principe Roderic, primo rampollo della nuova casa reale, svariate decadi dopo essersi punta il polpastrello sul fuso del magico arcolaio.
Quando Aurora apre gli occhi, è convinta che siano trascorsi a malapena pochi istanti dal suo ultimo ricordo (i preparativi per l’imminente ballo organizzato in onore del suo diciottesimo compleanno…); subisce quindi un notevole shock nello scoprire che i suoi genitori sono morti e sepolti da un pezzo, insieme a tutto il resto del mondo che ha sempre conosciuto, e che il suo regno è profondamente cambiato.

Il tempo delle fiabe è terminato da un pezzo, infatti: il regno natale di Aurora è dilaniato da costanti tensioni interne, rivolte, complotti, guerre civili.
L’attuale re, il padre di Roderic, è una versione un po’ meno lasciva e un po’ più cattiva del Re Robert de “Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco”; il promesso sposo di Aurora è un fantoccio, la futura suocera un’ambigua quanto pericolosa matriarca.
Nel contesto di “A Wicked Thing”, Aurora diviene quindi, per buona parte del libro, una sorta di riluttante Sansa Stark (un personaggio al quale l’autrice stessa ha dichiarato di essere molto legata); costantemente manovrata dai potenti, esibita a corte come un trofeo e tenuta al guinzaglio, viene costretta ad assistere alle numerose atrocità perpetrate dal sovrano e a prendere atto del mortale pericolo affrontato dal suo regno.
Fino a quando, un bel giorno, non deciderà di ribellarsi e provare a prendere in mano le redini del proprio destino…

Il problema, secondo me, è che questo catartico momento di illuminazione viene posticipato dall’autrice ben oltre il punto necessario.
Da una parte, si tratta di un limite auto-imposto; un tratto ineluttabile della personalità di Aurora, la quale non brilla certo per acume e spirito di indipendenza.
Dall’altra, non sono mai stata una grande fan dei romanzi che si svolgono a corte, e in alcuni momenti ammetto di aver trovato l’ambientazione di “A Wicked Thing” leggermente claustrofobica.
Questo fattore, combinato alle atroci tendenze passivo-aggressive di Aurora (secondo il classico schema che prevede un passo avanti, due passi indietro…), ha fatto sì che mi annoiassi un po’ durante alcune parti della lettura.
Sono rimasta piacevolmente sorpresa, tuttavia, dall’assenza di una “love story” totalizzante e univalente, incapace di lasciare spazio ad altro, e dalle tematiche introdotte dall’autrice, sicuramente moderne e attuali come non mai.
La “strega cattiva” del romanzo, inoltre, svolge un ruolo abbastanza complesso e misterioso da risultare autenticamente interessante… non so quali siano i piani di Celestine per Aurora, non riesco neppure a immaginarlo, ma una cosa è certa: voglio assolutamente scoprirlo…

Un romanzo gradevole, insomma, secondo me, anche se tutt’altro che imprescindibile.
Facile immaginare che, se la serie tv riuscirà a guadagnarsi un ordine completo da parte di Freeform, vedremo comparire una traduzione italiana di “A Wicked Thing” nel giro di un anno o giù di lì…
Ai fan dei romanzi fantasy più “leggeri”, lo consiglio volentieri: la Thomas, se non altro, dimostra di saper concedere una lodevole attenzione al tema dei rapporti umani, e di conoscere l’importanza fondamentale dei cosiddetti personaggi secondari all’interno dell’economia di un racconto.


Trama: 6.0/10
Ambientazione: 6.0/10
Personaggi: 7.0/10
Stile: 6./0
Coinvolgimento emotivo: 7.0/10

Verdetto finale: 6.4/10


Girl Power:

 
Nel prossimo post, parleremo di: 


American Horror Story Hotel 

 

4 commenti:

  1. Carino questo libro! Mi piacciono quelli a tema fiabesco!😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me, ne vado matta! ^____^

      Elimina
  2. Sembra damolto bellino, e adatto ai periodi in cui si cerca una lettura senza impegno ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, Kate! Non il miglior retelling di sempre, ma carino quanto basta, insomma! ^____^

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...