venerdì 26 agosto 2016

I miei film della settimana...

Buon pomeriggio, amici! ^____^

Come state? :)

Anche questo venerdì, sono riuscita a preparare per voi un breve riepilogo delle mie ultime visioni cinematografiche... nella speranza di riuscire presto a tornare in sala, per recuperare anche qualche uscita più recente, visto che il mese di agosto ha portato a una chiusura pressoché a tappeto di ogni singola sala nel giro di chilemetri e chilometri! ç____ç


Regression



Dal regista di alcuni dei miei film preferiti Alehandro Amenabar ("The Others", "Mare Dentro", "Agora"), ecco arrivare un thriller dalle ambigue sfumature religiose.
Il protagonista, un energico e onesto poliziotto interpretato da Ethan Hawke, si ritrova alle prese con un caso che metterà a dura prova le sue convinzioni e la sua esperienza.
Centro focale della trama, una grave accusa di molestia riportata dall'improbabile diciassettenne Angela (Emma Watson), un episodio collegato a una serie di disturbanti e repellenti delitti a sfondo satanico avvenuti in zona.
Un ambizioso psichiatra (David Thewlis) affianca il poliziotto durante le indagini, un dottore che ha messo a punto un’affascinante tecnica investigativa di dubbia reputazione chiamata “regressione”...
Anche se sono riuscita a indovinare fin troppo bene dove la sceneggiatura sarebbe andata a parare, complessivamente ho trovato la trama di “Regression”  abbastanza interessante. Le atmosfere evocate dall'esperta regia di Amenabar sono inquietanti, oppressive e intrise di paranoia, azzeccatissime per il genere, oltre che vagamente reminiscenti dell'immortale classico di Polanski “Rosemary's Baby”.
L'unica grande, imperdonabile nota dolente di questo thriller psicologico, di per se’ quasi discreto, è dato dal coinvolgimento della stessa Watson - imbarazzante e fuori luogo in più di un senso, visto che, oltre a non avere la presenza scenica necessaria per la parte, l’attrice britannica riesce praticamente a svendere anche il finale!

Giudizio personale: 6.0/10



Steve Jobs




Come una vasta schiera di spettatori prima di me si è premurata di far notare, “Steve Jobs” assomiglia un po’ a un'opera teatrale in tre atti - con l'aggiunta di una serie di musiche in perfetto stile elettronico/anni '80 (calzanti, ma pure fastidiose assai, per me che non sopporto il genere).
La sceneggiatura sceglie di focalizzarsi su tre momenti importanti della vita di Jobs, in corrispondenza di ogni presentazione e lancio di prodotto veramente imprescindibile della sua carriera; ne consegue che la visione di insieme risulta forse un po’ penalizzata da questo dettagliato “esame parziale” (da un punto di vista biografico, ho idea che fin troppi elementi importanti della vita di Jobs siano rimasti tagliati fuori).
Dal punto di vista cinematografico, però, la decisione si rivela senz’altro vincente, oltre che originale e convincente: la più recente pellicola di Danny Boyle ("Trainspotting", "Sunshine") riesce infatti a esplorare alcune tematiche chiave in maniera più accurata di tanti altri biopic dal taglio più tradizionale, e ad approfondire le “storiche” e complesse relazioni personali intrattenute da quest'uomo complicato, egocentrico, folle, ossessivo, geniale.
Vengono pertanto alla luce le dinamiche complesse e tormentose del suo rapporto con la figlia Lisa, con gli amici e colleghi di vecchia data, con la straordinaria segretaria di origini est europee Johanna (interpretata da una grande Kate Winslet) e con John Sculley (Jeff Daniels), probabilmente l'unica vera figura paterna sulla quale Jobs abbia mai potuto contare.
Michael Fassbender, per l'occasione, fornisce una prova eccezionale; più che degna di quella certa statuetta a cui avrebbe tranquillamente potuto ambire, se non fosse stato per il debito di lunga data che l'Academy aveva contratto nei confronti di un certo Leo Di Caprio...

Giudizio personale: 7.5/10


 
L'A.S.S.O. nella manica


Da una vita non mi concedevo un filmetto carino e spensierato come questa commedia per ragazzi diretta dal quasi esordiente regista Ari Sandel: forse è per questo che “ L’A.S.S.O nella manica" (tratto dal romanzo “Quanto ti ho odiato” di Kody Keplinger) mi è piaciuto così tanto;  o forse parte del mio gradimento ha semplicemente a che fare con la briosa sceneggiatura, spiritosa e mai banale, che ricorda un po’ lo spirito e la grinta del glorioso “Mean Girls”.
Sia come sia, ammetto di aver trovato in questa pellicola molti più lati positivi che negativi; lo considero un film estremamente divertente, infarcito di gag demenziali efficaci (e neppure troppo volgari, pensate un po’!), e personaggi che, stranamente, riescono a spingerti a fare il tifo per loro, anziché esortarti a lanciare una sedia contro lo schermo.
Merito anche della spigliata verve comica dei due protagonisti, la vulcanica Mae Whitman e il simpatico Robbie Amell, rispettivamente nei panni della squinternata Bianca e dell’irrecuperabile atleta Wesley.
La mia scena preferita, in assoluto?
La sorprendente “rivelazione” esistenziale avuta dalla madre di Bianca (Allison Janney) durante un esilarante episodio dei Simpson! XD 

 Giudizio personale: 7.0/10
 

The Last Witch Hunter



Se pensate che Vin Diesel sia un carciofo con le spalle troppo larghe, il mio consiglio è di stare alla larga da questo film come un diavolo dall'acqua santa! XD
Per quanto mi riguarda, devo ammettere che “The Last Witch Hunter” è riuscito a sorprendermi, e sicuramente in positivo, dal momento che mi aspettavo un’atrocità a metà strada fra “Braveheart” e “L’apprendista stregone”.
Certo, ho delle riserve al riguardo, e tante; si tratta in fondo del classico action in salsa fantasy tutto muscoli, effetti speciali e azione, l'ideale per passare un paio d'ore all'insegna della spensieratezza più totale... A patto di non lasciarsi infastidire troppo dai numerosi cliché, si intende.
La ricetta è classica, un po’ come la torta della nonna… l’hai già mangiata tante volte, eppure quel sapore così familiare, innocente e rassicurante, certe volte è esattamente quello di cui la tua mente stanca e affaticata sente il bisogno.
E poi, diciamocelo… dopo essermi sorbita quell’obbrobrio indecente che risponde al nome di “La città verrà distrutta all’alba”, prevedevo da parte del regista Breck Eisner un tonfo moooolto peggiore…


Giudizio personale: 6.5/10

E voi, invece, amici?
Avete visto qualche bel film, ultimamente? :)

23 commenti:

  1. Mi manca solo l'ultimo, che non penso recupererò però. :)
    Steve Jobs strabiliante (e che Fassbender: vaglielo a dire al moribondo DiCaprio di Revenant), The Duff spassosissimo, mentre Regression mi aveva tanto annoiato. E, per tutto il tempo, non avevo fatto altro che insultare l'ex Hermion: carini, ma pessima. :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pessima, ma per davvero! :(
      Ultimamente sta rovinand... ehm, volevo dire girando, troppi film! XD
      Speriamo che con il tempo riesca a maturare un po'! ^^
      Fassbender è un artista! *____*

      Elimina
    2. In Colonia, ti dirò, era decente.
      L'aria da Santa Maria Goretti era immutata, cioè, ma almeno non stonava :)

      Elimina
  2. questi non li ho visti, però su Steve Jobs un pensierino ce lo faccio :D

    ieri sera mi son guardata IL RAGAZZO INVISIBILE, di Savatores. Carino, senza troppe pretese forse ma godibile.

    Nei giorni scorsi ho visto un film in costume fatto bene, per i miei gusti: EFFIE GRAY. STORIA DI UNO SCANDALO, con Emma Thompson e Dakota Fanning: bello, il genere a me piace ed il fatto che racconti la storia di questa donna dell'età vittoriana realmete esistita me l'ha fatto piacere ancora di più ^_-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi segno tutti e due, grazie, Angela! :D
      "Il ragazzo invisibile" dovrei riuscire a recuperarlo su sky, mentre per quanto riguarda "Effie Gray"... non so ancora dove ne' quando, ma voglio vederlo: adoro Dakota Fanning, è bravissima! *____*

      Elimina
  3. Concordo con te "Stefano Lavori" è davvero un ottimo film, gli altri volevo vederli poi ho letto un pò di commenti e ho lasciato perdere ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "The Duff" non è male... dovesse venirti voglia di una commedia scaccia-pensieri, te lo consiglio! ;D

      Elimina
  4. Ho adorato "Steve Jobs"! Al mio amato Fassbender è stata veramente rubata la statuetta, bisogna ammetterlo :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto la stessa impressione, fede! :(
      Da una parte mi fa piacere per Di Caprio, che avrebbe avuto dovuto ottenere quel riconoscimento almeno un paio di volte nel corso degli ultimi anni, dall'altra.. stavolta Fassbender l'aveva surclassato, e alla grande! XD

      Elimina
  5. Ultimamente ho visto parecchi film,a breve uscirà un post sul blog...
    Il film della Watson mi ispirava,mi dispiace che non ti abbia fatto impazzire.Steve Jobs è sicuramente da recuperare,e L'asso l'ho trovato molto carino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello, verrò sicuramente a sbirciare! *____*
      "Regression" non è malvagio, giusto un filo troppo prevedibile, secondo me...
      "Steve Jobs", invece, è assolutamente da vedere! ;D

      Elimina
  6. The Duff sorprendentemente era piaciuto anche a me xD avevo letto recensioni negative e mi aspettavo di peggio! Ho letto pure il libro, prima di vedere il film, e lo avevo apprezzato tanto! Nonostante siano due storie differenti, il film non mi ha dato fastidio, anzi, mi ha divertito tanto xD
    Questa settimana ho visto Il racconto dei racconti. Non sapevo cosa aspettarmi, ma devo ammettere che non mi è dispiaciuto!
    The last witch hunter devo vederlo da quando è uscito al cinema lo scorso anno, ma ho paura che i cliché da te citati me lo facciano odiare xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, nel caso di "The Last Witch Hunter", bisogna risucire a superare incolumi i primi dieci minuti, che sono un compendiario di stupidità assortite non da poco! XD Superato quel piccolo scoglio, secondo me la storia migliora...
      Oh, "Il racconto dei racconti" mi è sfuggito, purtroppo! :( Ma recupererò... credo sia su sky, quindi le possibilità di vederlo non mancheranno! ;D

      Elimina
  7. Anche di questi non ne ho visto neanche uno :( forse recupereró Steve Jobs e The Last Witch Hunter (questo puramente per il fattore lol).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha anch'io l'ho visto per lo stesso motivo! :D

      Elimina
  8. Ciao! :)
    Gli ultimi due film mi ispirano e spero di riuscire a guardarli, anche se con la dovuta calma :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hello, Sian, ciao!! ^___^
      Curiosissima di scoprire le tue impressioni, allora! ;D

      Elimina
  9. mi manca l'ultimo, mi è proprio sfuggito, sugli altri, a parte ASSO che mi è sembrato troppo derivativo, ci troviamo... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti sei perso niente di eccezionale, con "The Last Witch Hunter"... è giusto il solito film con Vin Diesel! Da guardare, ma un po' a tempo perso, ecco! ;D

      Elimina
  10. Ciao Sophie! L'unico che mi incuriosisce è The Last Witch Hunter, ma ahimè non so quando potrò recuperarlo U.U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hello, ciao, Rosa! ^____^
      Mmm... senza fretta, secondo me, con tutta la calma del caso: è un film piuttosto divertente, ma poco impegnativo! ;D

      Elimina
  11. L'A.S.S.O l'ho visto e mi ha fatto morir dal ridere! Sceneggiatura comica e spigliata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d'accordo! E dire che non me lo aspettavo! :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...