domenica 29 ottobre 2017

Blogger Recognition Award

Buona domenica, amici miei! ^_____^

In passato mi sono dimostrata alquanto svampita, lo confesso, lasciandomi sfuggire la possibilità di replicare a tutti i piacevolissimi book tag in circolazione là fuori. In alcuni casi, è addirittura capitato che qualcuno nominasse espressamente il Laumes’s Journey, ma che io non riuscissi a trovare il tempo materiale di rispondere…

Vi chiedo davvero scusa per questo, dal profondo del cuore, e vi assicuro che (circostanze permettendo) questi spiacevoli episodi di “dimenticanza” non si verificheranno più! ç____ç

Ciò premesso, torniamo subito all’ordine del giorno…




L’adorabile blog “The Book Seeker” mi ha citato per il tag “BLOGGER RECOGNITION AWARD”, un piccolo riconoscimento che ha lo scopo di aiutarci a conoscere più a fondo la sconfinata blogsfera e permetterci di scoprire tanti bellissimi blog tutti da esplorare! Ringrazio infinitamente TBS per avermi nominato! *_*


Il regolamento:

1. Ringraziare il blogger che ti ha nominato e inserire il link al suo Blog;
2. Scrivere un post per mostrare il proprio riconoscimento;
3. Raccontare la nascita del proprio Blog;
4. Dare consigli ai nuovi blogger;
5. Nominare altri 15 blogger ai quali vuoi passare il segno di riconoscimento;
6. Commentare sul Blog di chi ti ha nominato e fornirgli il link al tuo articolo (anche sulla pagina Fb).



Mmm…
Per rispondere al punto 3 in maniera esauriente, temo proprio di dovervi propinare una sorta di “saggio breve” sulla nascita del Laumes’ Journey. Sentitevi liberi di skippare del tutto il mio sproloquio, se andate di fretta! ;D


Come è nato il blog?

Come forse alcuni di voi sapranno, soffro di DOC sin da quando ero giovanissima. Il disturbo mi ha sempre accompagnato, in una forma o nell’altra: diciamo che durante l’adolescenza ho attraversato fasi positive e fasi negative, momenti di relativa quieta spirituale e crisi abbastanza acute, fino a riuscire a “stabilizzarmi” (più o meno XD….) e a liberarmi completamente degli “effetti collaterali” potenzialmente invalidanti del Doc, ovviamente soltanto dopo aver faticosamente imparato a riconoscerne i sintomi e a trattarli per quello che sono.
Sono stata in terapia per diversi anni e, assieme alla mia psicologa, siamo giunte a questa sorta di conclusione: la verità è che la maggior parte dei miei problemi d’ansia può essere ricondotta (rullino i tamburi e squillino le trombe…) alla mia straordinaria e pantagruelica incapacità di esprimere le emozioni secondo tempi e modalità solitamente consentite ai comuni mortali! :P
In parole povere: sono cresciuta imbottigliando dentro di me pensieri e sentimenti che probabilmente avrei fatto moooolto meglio a comunicare alle persone che avevo accanto, invece di cercare di reprimere il tutto come una specie di struzzo che nasconde la testa sotto la sabbia, e a far cadere subito questa mia solare facciata di ragazza assennata, ragionevole e sempre perfettamente allegra e pronta ad assumersi qualsiasi responsabilità chiunque le passasse accanto si rivelasse disposto a gettarle sulle spalle.
E… be’, alla fine immagino di aver trasformato il processo (“prova l’emozione/insabbia ogni cosa/nega davanti alla Madre Terra, al mondo e a te stessa di aver mai provato qualcosa al riguardo in prima istanza”) in un circolo vizioso dal quale non riuscivo più a uscire.
L’unica eccezione ammessa riguardava – naturalmente – il vasto e poliedrico mondo della fiction, sia in campo letterario che cinematografico. Perché leggendo un libro (o guardando un film…) sentivo come se, per la prima volta in vita mia, mi fosse stata concessa la preziosa opportunità di accettare le emozioni che quella lettura/visione mi aveva portato in dono. Ma potevo fare più di questo, in realtà: potevo abbracciare quelle emozioni, visualizzarle nella mia mente, comprenderle, paragonarle alle mie… in ultima analisi, riuscire a sconfiggere ciò che mi aveva bloccato per tanto tempo in un limbo di perpetua confusione, grigiore e disagio, e smettere finalmente di averne così tanta paura.
Il blog è nato così (che ci crediate oppure no), come una sorta di sfida a me stessa. Credo di amare così tanto questo angolino, in fin dei conti, proprio perché mi permette di fare ciò che, in passato, mi era sempre stato negato: condividere il mio mondo interiore, riuscire a metterlo nero su bianco, seppure attraverso il filtro rappresentato dalle storie e dai mondi incantati creati da altre persone – autori di tutto il mondo che, ovviamente, non incontrerò mai, ma che, ciò non di meno, in momenti determinati delle loro vite sono arrivati a provare le mie stesse paure, le mie stesse gioie, il mio stesso amore e la mia stessa tristezza.

I miei consigli

Non posso darvi dei suggerimenti veri e propri su come si crei o coltivi un blog di successo, perché (siamo seri…) adoro scrivere sul Laumes’Journey e non ci rinuncerei per niente al mondo, ma non si può certo dire che il mio angolino sia proprio un punto di riferimento fisso per chiunque intenda mettersi alla ricerca di consigli sul mondo libresco, giusto? ;D
Però posso dirvi qualcosa a proposito della longevità di un blog, dal momento che il mio esiste dall’ormai “lontano” 2011: fate in modo che il blog sia VOSTRO, e che le persone che vi leggono se ne accorgano fin dal primissimo momento. Parlate solo di argomenti che vi appassionano davvero, a prescindere dai desideri e dai trend del momento; non vi lasciate influenzare dalle opinioni altrui e non permettete mai al vostro blog di diventare un “lavoro”, vale a dire un’ulteriore fonte di stress. Se avete bisogno di staccare la spina, prendetevi una pausa. Prima o poi, ve lo assicuro, sentirete comunque il richiamo, il bisogno irresistibile di tornare a scrivere di ciò che amate e per cui respirate: non fosse altro che perché, come diceva Dorothy, alla fine nessun posto è come casa propria…


E adesso, il momento fatidico delle mie dieci nominations 
(solo dieci, perché altrimenti non riuscirei mai a trovare il tempo di avvertirvi tutti... sempre ammesso che ci riesca! XD):







13 commenti:

  1. Noi due ci somigliamo più di quanto immaginavo ^^" (chi è che piuttosto di esprimere ciò che prova si porterebbe tutto nella tomba? *alza la manina*)
    Comunque ti ringrazio infinitamente per questo premio ç___ç <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille a te, Giusy! <3
      Ormai sono arrivata a questa conclusione: alcune persone (come ad esempio noi due) hanno semplicemente bisogno di trovare un modo "alternativo" per esprimere le proprie emozioni, magari perché queste ultime a volte tendono a sembrare troppo grandi, smisurate e complesse per poter essere racchiuse in una semplice frase o in un discorso di poche righe... Il che vuol dire che dovremo essere sempre due volte più creative, risolute e ingegnose delle altre per riuscire a esprimerci, certo, ma... Per fortuna, significa anche che ce la possiamo fare! ;D

      Elimina
  2. Anche io spesso mi tengo tutto dentro, con il blog, invece, posso esprimermi a 360 gradi e condividere il mio mondo proprio come fai te. Complimenti per la nomination!😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Vanessa! *____* E' bello sapere di non essere la sola!!!! <3

      Elimina
  3. <3 è stato bellissimo leggere della nascita del tuo blog. E sono d'accordo con il tuo consiglio, il blog deve essere personale, altrimenti diventa un sito di informazioni :P grazie infinite per avermi nominata, anche per me il tuo è uno dei blog che preferisco. È vero che commento poco (in generale, non solo da te xD), ma leggo praticamente tutto xD <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite a te, Gaia! Sei un tesoro! <3

      Elimina
  4. Il blog è utilissimo, quando si tratta di darci la libertà di esprimere quello che pensiamo, o quello che proviamo :) E grazie mille per aver pensato al mio angolino!! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potrei essere più d'accordo, Sian! ;D
      Grazie infinite a te per essere passata!!! *_____*

      Elimina
  5. Bello poter conoscere meglio le persone di cui leggiamo tutti i giorni. Grazie per aver condiviso con noi i tuoi pensieri, come il motivo che ha portato alla nascita del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite a te per essere passata! <3
      Mi ha fatto davvero piacere avere la possibilità di condividere un pezzettino della mia storia con tutti voi! ^_____^

      Elimina
  6. Grazie di cuore per avermi nominata, Sophie! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille a te, Aenor!!! Un abbraccione! ^_____^

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...