martedì 18 settembre 2012

Recensione: Ribelle - The Brave


"Alcuni dicono che al destino non si comanda, che il destino non è una cosa nostra. 
Ma io so che non è così: il nostro destino vive in noi, bisogna soltanto avere il coraggio di vederlo!""



Capita alle volte di aspettare l'uscita di un film (o di un libro) con trepidante emozione per dei mesi, solo per poi esserne orrendamente delusi... grazie al cielo, questo non è affatto il caso di "Ribelle - The Brave", film che ho amato praticamente dal primissimo fotogramma all'ultimo! *_*
Dicono che la Pixar sia garanzia di qualità, e non sarò certo io a smentire questa tesi, ragazzi... sta di fatto che la storia di Merida e di Elinor, sua madre (perché sì, avete sentito bene: "Ribelle" è il primo cartone della Disney ad avere il coraggio di regalare un ruolo di primissimo piano ad una delle figure più tradizionalmente considerate di "contorno" in questo genere di film, la "mamma" della protagonista! XD) mi ha commosso e mi ha emozionato tantissimo!
Tema portante del film, potremmo dire, è quello dell'importanza vitale dell'ascolto reciproco: Merida commette degli errori e si mette nei guai perché rifiuta a priori di ascoltare gli insegnamenti che la madre ha da impartirle; Elinor a sua volta sbaglia perché, nel pianificare il futuro di sua figlia e del regno, non tiene assolutamente in considerazione le esigenze di Merida, e non riesce a realizzare, per tutta la prima parte del film, che costringere la ragazza a sposare uno sconosciuto significherebbe uccidere lo spirito indomito e coraggioso della sua peraltro amatissima figlia.
Re Fergus, ad un certo punto del film, lascia il suo castello intenzionato a commettere un' azione terribile, lasciandosi alle spalle una Merida in lacrime ed intrappolata nella propria stanza: la ragazza gli urla di ascoltarla, di lasciarsi spiegare come si sono svolti i fatti in realtà, ma anche Re Fergus, che pure è il monarca e l'uomo più paterno e "pacioccone" che si possa immaginare, è accecato dalle proprie ambizioni personali in quel momento: non ha "tempo" per ascoltare le grida disperate di sua figlia, tutto ciò che ha in mente è la vendetta.
Non mancano però in "Ribelle" i momenti umoristici... anzi!!
Non soltanto Re Fergus, ma anche i tre pestiferi gemellini (per non parlare poi dei tre buffissimi pretendenti alla mano di Merida e dei loro rispettivi, pazzeschi padri! XD) garantiscono una serie di gag assolutamente squisite e irrestibili; alcune sconfinano quasi nel demenziale, oserei dire, ma non importa, sono perfette così come sono! :D
Non c'è un personaggi di questo film che non mi abbia convinto: di Merida sono ormai innamorata persa XD, ma devo dire che anche Elinor mi ha sopreso; le due donne condividono in fondo la stessa smisurata forza d'animo e volontà incrollabile, e sono davvero molto più simili di quanto entrambe, all'inizio della pellicola, possano immaginare.
Re Fergus è decisamente il padre che ognuno di noi vorrebbe avere XD, la streg... ehm, volevo dir, intagliatrice del legno XD è semplicemente esilarante; persino il "cattivo" del film, l'orso Mor'du, ad un tratto comincia a guadagnarsi parte della nostra empatia...
Insomma, se fate parte dei pochissimi che ancora non sono corsi a guardare "Ribelle"... lasciatevi guidare dai vostri fuochi fatui fino alla sala più vicina, ragazzi, e correte subito ai ripari! :D

 Giudizio personale: 9.4/10

4 commenti:

  1. NON VEDO L'ORA DI VEDEEEEEEEEERLO. Mmm, già xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo: è un film veramente stupendo!!!! :D

      Elimina
  2. *__* io ancora non sono riuscito a vederlo, maledetto 3D!! :'(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna, dalle mie parti il 3D non ha mai veramente preso piede: infatti ho potuto guardarlo tranquillamente nella normalissima versione 2d! :D

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...