domenica 24 novembre 2013

Recensione: "The Innkeepers" (film)



Titolo: The Innkeepers
Regia: Ti West
Interpreti: Sara Paxton, Pat Healy, Kelly McGillis, George Riddle, Alison Bartlett.
Anno: 2011


“Durante gli ultimi giorni di apertura allo Yankee Pedlar Inn, due impiegati determinati a rivelare il passato tormentato dell'hotel cominciano a sperimentare eventi disturbanti, mentre vecchi ospiti si presentano al banco del chek in per registrarsi...”


The Innkeepers”, sotto tantissimi punti di vista, è un film incredibilmente divertente. Il bello è che, per una volta, il regista/sceneggiatore, un certo Ti West, sembra aver scelto di indirizzare la sua pellicola horror su un registro per metà comico, per metà drammatico, del tutto consapevolmente e arbitrariamente! XD
L'inizio del film, infatti, ci indirizza alquanto rapidamente verso una virata comedy che serve, oltre che a introdurci i personaggi principali e quella che andrà a costituire la funesta ambientazione principale della vicenda, a farci apprezzare le discrete abilità recitative della deliziosa attrice protagonista, Sara Paxton.
Viso angelico, maniere eccentriche e quella classiche indole da bambinona mai veramente cresciuta,
Claire è una ventenne un po' sfaccendata che ha abbandonato gli studi e non nutre particolari aspirazioni artistiche o lavorative; si accontenta semplicemente del suo modesto lavoro di impiegata presso questo piccolo albero fatiscente (cosa che, dal mio punto di vista, le fa incredibilmente onore) e vive alla giornata, proprio come Luke (Pat Healy), il suo amico un po' strambo, che ha una cotta segreta per lei da chissà quanto tempo.
Solo che, chiaramente (come “Shining” insegna), ogni albergo ha i scandali, con relativi fantasmi annessi e connessi.
Anche più d'uno, talvolta.
La discesa negli inferi, il passaggio dalle atmosfere briose e svampite delle prime sequenze, alle inquietanti apparizioni e all'atmosfera di crescente terrore e apprensione di metà film, viene scandito dall'entrata in scena del personaggio interpretato dall'ormai anziana (ma sempre solida e affidabile) Kelly McGillis.
Se sulle prime Leanne Rease-Jones potrebbe sembrare, infatti, semplicemente una vecchia attrice frustrata e alle prese con una terribile dipendenza dall'alcol, ben presto lo spettatore sarà chiamato a ricredersi... poiché questa arzilla e burbera signora nasconde uno o due scheletri nell'armadio.
Purtroppo, c'è da specificare che, citazioni di “Shining” (la suddivisione in capitoli) e ottima caratterizzazione dei personaggi principali a parte, “The Innkeepers”, secondo me, non riesce a decollare veramente mai, sia a livello di sceneggiatura che di regia e potenziale tensione emotiva: alla fine, i momenti di reale suspance si contano sulle dita di una mano, senza contare che, anche a visione ultimata, restano in ombra tantissimi perché e motivazioni fondamentali, per quanto mi riguarda. Nemmeno la storia legata al fantasma dell'albergo mi è parsa troppo convincente, fra l'altro, e nemmeno particolarmente inquietante (raccapricciante, semmai, ecco, questo XD...), se volete la mia opinione.
Il resto del film si lascia guardare, ma viene comunque parecchio penalizzato da un finale che mi è parso francamente pessimo, e da un secondo tempo fastidiosamente fuori sincrono rispetto a ritmo, atmosfere e coerenza narrativa presenti nel primo capitolo.
Il che rappresenta un peccato doppiamente grande: non fosse stato per questi piccoli, grandi, enormi difetti, “The Innkeepers” sarebbe probabilmente entrato di diritto a far parte della lista dei film horror più interessanti degli ultimissimi anni, per quanto mi riguarda!


Giudizio personale: 6.2/10




9 commenti:

  1. Sai che non ricordavo proprio di averlo visto. Ma invece sì: Sarah Paxtor è troppo bella e non mi perdo mai i suoi film, per brutti che siano. Questo mi era abbastanza piaciuto, ricordo che era fatto molto bene, per esempio, ma purtroppo nient'altro. Ma quanto tempo fa posso averlo visto? Bhooo, mica è vecchio: è l'Alzheimer D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha succede sempre anche a me, Mik: anzi, addirittura alle volte, se passa parecchio tempo, comincio a confondermi e non riesco più a ricordare se ho davvero visto un dato film, oppure avevo solo programmato di vederlo, e guardato invece esclusivamente il trailer! :P Ci capita perché guardiamo tantissimi film e serie tv nel corso dell'anno, credo, e dopo un po' la nostra mente comincia a fare un gran calderone di elementi pescati un po' di qua e un po' di là, secondo me! ;D

      Elimina
  2. Non mi ispira molto... mi sa che lo passo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti perderai tantissimo, secondo me, Kate: vero è che non è un film davvero terribile... ma c'è anche di moooolto meglio in circolazione, poco ma sicuro! ;D

      Elimina
  3. Questo non lo conoscevo proprio...mi sa che mi devo aggiornare sugli horror!:) Comunque la tua recensione mi ha incuriosita, lo guarderò sicuramente!^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io sono rimasta un po' indietro nella visione degli horror recenti, Indil: ecco perché, piano piano, sto cercando di recuperare tutti questi piccoli film degli anni passati! :D Spero tanto che "The Innkeepers" possa piacerti, se avrai occasione di guardarlo! ^^

      Elimina
  4. Finisce così? Bah!!!! Allibisco.

    RispondiElimina
  5. Io l ho visto ma la fine non ha senso non di capisce il perché cmq film per me brutto o sono abituata fil horror paurosi

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...