mercoledì 2 maggio 2018

Recensione: "Coco" (film animazione 2017)




"Coco ci porta in un variopinto villaggio messicano, animato dai preparativi per il Dìa de Muertos e dalla musica delle orchestrine che inonda le strade. Il dodicenne Miguel (Anthony Gonzalez nella versione originale) vorrebbe immergersi nei festeggiamenti strimpellando la sua chitarra sconquassata, ma sulla famiglia Rivera aleggia una maledizione che impedisce ai componenti di imbracciare strumenti musicali. Il divieto, imposto decenni prima dalla bisnonna Imelda, non riesce a tenere Miguel lontano da corde e arpeggi. Né lo frena dal venerare e imitare le melodie del suo cantante preferito, il leggendario Ernesto de la Cruz. Destinato a raccogliere l'eredità familiare ed entrare nel business delle calzature, il ragazzino preferirebbe incorrere nell'ira degli antenati piuttosto che incollare suole e lucidare scarpe per la vita. Così, nel giorno della festa che celebra i defunti, trafuga la chitarra magica appartenuta al suo idolo e finisce in una dimensione tanto fiabesca quanto misteriosa. Il mondo dei morti appare come una gigantesca metropoli verticale: collegata da tram, regolata da uffici e sportelli, e popolata da arzilli scheletri luccicanti. Miguel lo visiterà con la guida dell'affascinante spirito Hector (Gael García Bernal), alla scoperta del segreto che si cela dietro alla sua famiglia."


Ho ragione di sospettare che la maggior parte di voi abbia già avuto occasione di vedere “Coco” al cinema. Quindi, anche stavolta, temo che mi vedrete arrivare alla festa un po’ in ritardo… Anzi, voglio essere del tutto onesta con voi: salvo circostanze particolari, non credo proprio che andrò mai in sala a chiedere un biglietto per un qualsivoglia film targato Disney/Pixar. La ragione è presto spiegata: il punto è che non riesco neanche a sopportare l’idea del doppiaggio italiano, e il solo pensiero di dovermi sorbire una versione riadattata e tradotta delle varie canzoni e dei frequenti numeri musicali presenti all’interno di questi film, basta e avanza a farmi salire un vero e proprio attacco di orticaria lungo la schiena!

Così, dicevamo, anche stavolta sono stata costretta ad aspettare l’uscita dell’edizione in Blu Ray (l’esclusivo steelbook proposto dalla Buena Vista è un vero e proprio gioiellino, già che siamo in tema, lasciate che ve lo dica! Soltanto a vederlo mi si sono illuminati gli occhi dalla gioia!). E… finalmente posso confermarvi in via ufficiale ciò che, dentro di me, sapevo già da un pezzo, vale a dire che la Pixar non si smentisce mai e che “Coco”, pur non arrivando a raggiungere le vertiginose vette d’emozione sfiorate da “Inside Out”, quest’anno si è guadagnato onestamente il suo Premio Oscar per il miglior d’animazione.

Ciò che continua a sorprendermi è l’estrema efficacia della ricetta, ormai sempre più consolidata e manifesta, alla base di progetti come “Coco”: prendi un bambino con un sogno, inseriscilo in un contesto etnico e culturale poco conosciuto (ma dotato di uno straordinario potenziale comunicativo), inserisci un ostacolo di natura famigliare e spediscilo in missione ai confini estremi del mondo (è il caso, ad esempio, di film piacevoli ma tutt’altro che memorabili come “Oceania” o “Il Viaggio di Arlo”). Durante la sua quest, il nostro piccolo eroe (o la nostra piccola eroina) avrà modo di imparare una lezione importante, ma anche di confrontarsi apertamente con i suoi parenti e di mettere in discussione la loro visione della vita… o della morte, se vogliamo applicare la nostra teoria al caso del titolo particolare in questione.

Come già segnalato in occasione dell’uscita de “Il Libro della Vita”, “Coco” trae infatti ispirazione da una popolare leggenda messicana, quella del famigerato “dia de los muertos”, vale a dire l’unico giorno all’anno in cui ai defunti è permesso oltrepassare il confine che li separa dal regno dei vivi e tornare a visitare i parenti ancora in circolazione. Anche se il film si avvale di un’atmosfera estremamente colorata, festosa e rocambolesca (come è giusto che sia…), alcuni elementi della trama mi hanno fatto immediatamente pensare a “Kubo e La Spada Magica”, uno dei “cartoni” più emozionanti, singolari e poetici degli ultimi anni.

Non credo sia invece necessario sprecare fiumi di parole a proposito della sbalorditiva realizzazione tecnica di “Coco”: mi limiterò ad assicurarvi che ogni singolo fotogramma rappresenta un’autentica festa per gli occhi, un tripudio di colori destinato a imprimersi nelle vostre retine come un caldo e accogliente messaggio di benvenuto.

La ritmata colonna sonora e gli strepitosi personaggi secondari (vale senz’altro la pena ricordare, a questo proposito, l’esilarante e imperdibile “cameo” di una spettrale Frida Kahlo) rappresentano un innegabile valore aggiunto. Per non parlare delle variopinte alebrije, creature totemiche tipiche del folclore messicano; spiriti-guida dall’aspetto molto eccentrico, espressionista e surreale che hanno lo straordinario potere di incendiare l’immaginazione dello spettatore al primissimo sguardo….


In estrema sintesi: Pittoresca e coloratissima rivisitazione in chiave animata della leggenda del glorioso “dia de los muertos”. La ricetta della pluripremiata ditta Disney/Pixar consente ormai pochissime variazioni sul tema, ma, in fondo, la cosa ha davvero importanza? Finora il risultato è sempre stato sinonimo di qualità, emozione e divertimento….






7 commenti:

  1. Non conoscevo questo film d'animazione, penso proprio che lo cercherò :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti i film della Pixar meritano almeno una visione, secondo me, Angela... "Coco", poi, è davvero adorabile, spero ti piacerà! ;D

      Elimina
  2. Mi è piaciuto davvero tanto, e mi ha commossa molto (ho capito che sarebbe stata dura non piangere al cinema quando hanno detto chi, tra i vari personaggi, è Coco).
    La realizzazione tecnica è meravigliosa, e stavolta l'Oscar come miglior film di animazione ci stava tutto ^-^
    Ora aspetto che il prezzo del dvd cali, che 20 € per me sono un po' tanto D:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo su tutto, Kate: anch'io mi sono commossa senza ritegno, soprattutto verso il finale! :D Sì, stavolta la Pixar è riuscita guadagnarsi il suo Oscar al 100%...

      Elimina
  3. Non l'ho ancora visto, ma mi ricorda vagamente il libro "Frida e Diego. Una favola messicana" di Fabian Negrin.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che hai ragione? Cioè, non conoscevo il libro che hai citato, ma sono andata a cercare qualche informazione, ed effettivamente qualche affinità c'è, eccome: il giorno dei morti, il viaggio nel regno degli scheletrici, Frida, perfino la presenza di un piccolo cane di razza xoloitzcuintle... Sembra un libro simpaticissimo: se mai dovesse capitarmi fra le mani, mi sa che ci farò un pensierino! ^^

      Elimina
  4. megashare9 - Beautiful, almost perfect, at last a movie that honors our roots and not making fun with them. The music, the colors, the allusion to one of our most beloved stars Pedro Infante, humor is excellent, not falling into racist jokes as all movies about Mexicans are, the voices, a lot of Mexican talent and legends, it includes most of our typical details, since a Cempasuchil flower to Alebrijes everywhere, the sensitive part is very touching and even more for us Mexicans that we are deeply connected with our family and ancestors. A very familiar movie, I loved it, and Im pretty sure you will enjoy it as well. I said Almost perfect because ... whats with the DJ on the party??? I still don't get it. But that's the only thing ...
    See more:
    watch swiss army man online free
    sicario putlocker
    deadpool full movie free
    everything everything full movie 123movies
    romance movie trailers
    annihilation putlockers

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...